Il gruppo che cura Vedanta.it inizia ad incontrarsi sul web a metà degli anni 90. Dopo aver dialogato su mailing list e forum per vent'anni, ha optato per questo forum semplificato e indirizzato alla visione di Shankara.
Si raccomanda di tenere il forum libero da conflittualità e oscurità di ogni genere.
Grazie

Risonanze

Utilizzate questo forum per qualsiasi argomento non categorizzato altrove.
Rispondi
cielo
Messaggi: 892
Iscritto il: 01/10/2016, 20:34

Risonanze

Messaggio da cielo » 29/01/2023, 14:47

Casualmente mi è capitato di leggere un passaggio dei Corinzi (so che è una parte del Nuovo Testamento, forse una lettera che scrisse San Paolo), testo mai letto e di cui non conosco nulla.

Ho trovato il passaggio che condivido qui, perfettamente risonante con la visione non duale del vedanta-advaita di Shankara (per quel poco che la conosco)

Quel riconoscere nell'altro il talento, il dono, senza provare invidia o dubitare. Accogliendo senza alcuna contrapposizione tra io e tu.
E al contempo riconoscere i propri di talenti, essere ciò che si è, con coraggio, in modo che i doni ricevuti possano dare frutto di gioia pura, in un mondo in cui le ombre si addensano e i lupi ululano.

Una lunga notte, da illuminare ciascuno con il proprio baleno di fuoco.

Non c'è l'altro, unità nella diversità, solo Atma, lo Spirito.
Non c'è altro che questo unico respiro che si fa tempo e spazio, e si muove dall'Immobile, pur non muovendo da dove E'.
L'eterno Paradosso.

E così Ognuno-Uno può girare la torcia a creare disegni di luce sul blu profondo del Cosmo. Esprimersi, per un po'.

Contemplando lo Sfondo, tra le infinite stelle. Tutte splendenti e colorate. Ognuna bella e pulsante a modo suo.

Immagine

1. Corinzi, 12, 7

7 E a ciascuno è data una manifestazione particolare dello Spirito per il bene comune:

8 a uno viene concesso dallo Spirito il linguaggio della sapienza; a un altro invece, per mezzo dello stesso Spirito, il linguaggio di scienza;

9 a uno la fede per mezzo dello stesso Spirito; a un altro il dono di far guarigioni per mezzo dell'unico Spirito;

10 a uno il potere dei miracoli; a un altro il dono della profezia; a un altro il dono di distinguere gli spiriti; a un altro le varietà delle lingue; a un altro infine l'interpretazione delle lingue.

11 Ma tutte queste cose è l'unico e il medesimo Spirito che le opera, distribuendole a ciascuno come vuole.

cielo
Messaggi: 892
Iscritto il: 01/10/2016, 20:34

Re: Risonanze

Messaggio da cielo » 05/08/2023, 10:46

11. Ma tutte queste cose è l'unico e il medesimo Spirito che le opera, distribuendole a ciascuno come vuole.

Agosto, mese tra i più misteriosi e ricchi di sorprese dell'anno, quando vasi comunicanti di persone si spostano di qua e di là, riempiendo spazi altrove dalla casa.

Certi luoghi sono vuoti, altri si riempiono all'inverosimile.
Io preferisco il vuoto, più spazio e più silenzio.

La mente si diverte a inseguire tracce passando da una spiaggia a una sorgente in montagna, con un giro a un rave e a un campo profughi.

Stare nel presente è rassicurante, anche perchè è l'unica realtà certa che possiamo dire nostra, quell'essere qui e ora, così come siamo, e dove siamo.

Buone vacanze a chi è in vacanza e buona permanenza a chi resta nei luoghi abituali.

Rispondi